Vitamina D: per ossa forti e sane

Posted by   Andrea Dati
28-03-2020
0
ossa forti e sane, la vitamina d

Vitamina D: per ossa forti e sane

Le vitamine sono composti essenziali per la salute dell’uomo e possono essere divise in due classi: le vitamine idrosolubili e quelle liposolubili, come ad esempio la vitamina D considerata un precursore ormonale.

In particolare il composto più importante nell’organismo è la vitamina D3, chiamata anche colecalciferolo. Essa si forma normalmente nella pelle attraverso una reazione fotochimica, che richiede l’intervento della luce solare. Oltre alla sua produzione endogena il colecalciferolo può essere assunto attraverso la dieta, ma solo pochi alimenti sono buone fonti come il pesce e il tuorlo d’uovo. Facilmente possiamo ottenerla attraverso gli integratori alimentari in diverse forme farmaceutiche, che ne costituiscono una fonte concentrata; un rimedio naturale invece è l’olio di fegato di merluzzo.

Una carenza di colecalciferolo, ipovitaminosi, può indurre un difetto nella formazione delle ossa, osteomalacia, osteoporosi e nei casi più gravi al rachitismo in età infantile.

L’osteoporosi è un problema tipico della menopausa in quanto una mancanza di estrogeni è correlata alla riduzione di calcio. La causa del deficit si può verificare soprattutto nei periodi invernali poichè l’esposizione alla luce del sole è minore, oppure a causa di patologie epatiche o renali dal momento che la vitamina D3 si trova in uno stato inattivo nel nostro corpo, ha bisogno di un enzima proteico che la converte nel fegato e nel rene nella forma biologicamente attiva, il calcitriolo.

Questo ormone regola il trasporto di calcio nell’intestino e i livelli di calcio e fosforo nel sangue, entrambi si trovano in gran quantità nel tessuto osseo, esercita quindi un ruolo molto importante nel metabolismo e crescita fisiologica dello scheletro, prevenendone la degenerazione in età avanzata.

Oltre al buon funzionamento delle ossa questo ormone regola tante altre funzioni: alcuni studi hanno dimostrato come nel diabete l’integrazione di vitamina D può migliorare il controllo glicemico, inoltre la supplementazione del colecalciferolo può normalizzare la secrezione di insulina, il ciclo mestruale e lo sviluppo follicolare.

La vitamina D3 influisce anche sul buon funzionamento del cervello e sulla stimolazione del sistema immunitario.

Il fabbisogno giornaliero va dai 5mcg nei bambini fino ai 15mcg negli anziani. L’eventuale carenza si può verificare attraverso delle analisi del sangue valutando i livelli della 25-idrossivitaminaD, considerata sufficiente tra i 30-100ng/mL.

Giorgio Alfano

Commenti

Nessun messaggio trovato

Scrivi una recensione